Strategie di promozione per prodotti e articoli aziendali, alcuni suggerimenti

Scritto da Simona

Da 25 anni aiuto le persone a scegliere il gadget personalizzato efficace. Sul sito www.tuologo.com rispondo a domande e problemi quali la scelta del gadget in base alle tempistiche dell’evento, all’originalità, al budget, al logo.

All’interno della cornice più ampia della strategia di marketing si individua uno step molto importante per un’azienda che intenda far conoscere i propri prodotti: la promozione. Spesso e volentieri marketing e promozione sono due termini che rischiano di diventare intercambiabili e confondibili, ma in realtà il secondo concetto è solamente uno dei passaggi chiave della strategia di marketing.

Quest’ultima non si occupa solo della diffusione del prodotto in sé, ma ne studia il target, scova il messaggio promozionale più idoneo, ne individua le debolezze e i punti di forza, stabilisce il prezzo a seconda dei valori che gli studi di settore rilevano e si occupa della distribuzione. La promozione vera e propria quindi è solo una fase, forse quella decisiva, che decreterà il successo o il fallimento dell’articolo proposto.

La promozione si concentra su tre aspetti fondamentali: Informare i potenziali acquirenti sull’esistenza di un prodotto, tentare di convincere gli acquirenti all’acquisto, ricordare agli acquirenti l’esistenza di tale prodotto

Una strategia di promozione, per essere efficace, deve saper soddisfare certi requisiti e tenere ben chiaro una serie di obiettivi, quali: identificare le qualità del prodotto e le caratteristiche del possibile consumatore, il messaggio che vuole veicolare la promozione e quali mezzi intende utilizzare per raggiungere i suoi scopi.

Le tecniche promozionali si basano principalmente sulla pubblicità, sul marketing diretto o interattivo, sulla vendita diretta o promozionale e anche sul mantenimento di pubbliche relazione con la stampa, con settori specializzati e anche con le amministrazioni locali, nazionali o internazionali. Insomma la promozione è volta a stabilire una rete di contatti fitta e il più possibile attiva da entrambe le parti per tentare di dare un incentivo sensibile alle vendite di un prodotto.

A questo scopo si possono adottare strategie promozionali dirette, volte a stimolare l’acquisto e a ricordare l’esistenza del prodotto in questione adottando particolari modalità di vendita. Vediamo quali sono.

Articoli aziendali campione: per incentivare le vendita di un prodotto si regalano ai potenziali consumatori degli “assaggi” in via del tutto gratuita.

Buoni sconto o rimborsi: l’acquirente è stimolato all’acquisto grazie ad un’offerta particolarmente vantaggiosa che gli permette di risparmiare denaro o addirittura di essere rimborsato in parte dopo l’acquisto effettivo.

Omaggi e confezioni speciali: sono pacchetti promozionali venduti ad un prezzo più basso del normale o addirittura distribuiti gratuitamente o acquistabili ad una cifra simbolica.

Articoli promozionali e gadget personalizzabili: oggetti di utilità comune dalla fogge più varie che portano impresso il logo aziendale che vengono distribuiti a clienti, fornitori e potenziali clienti per promuovere il prodotto e incentivarne le vendite.

Concorsi a premi e lotterie interne: le aziende mettono in palio una serie di premi che gli acquirenti possono vincere se acquistano il prodotto pubblicizzato e il loro nominativo viene estratto a sorte fra tutti i partecipanti del concorso.

Come vedi la promozione è solo uno dei tanti aspetti che formano una strategia di marketing, ma è sicuramente un passo fondamentale per decretare il successo o il fallimento di un prodotto. Tutto sta nello scegliere con attenzione gli elementi costitutivi del messaggio promozionale in sé.

Ti potrebbe anche interessare…

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Non è una novità dei giorni nostri l’uso e la validità del passaparola per raggiungere i propri obiettivi aziendali: incremento vendite, allargamento della community, ecc. Tradizionalmente il passaparola veniva diffuso “a voce” da una persona all’altra sulla base di una raccomandazione e di una relazione personale basata sulla fiducia. Ora, nel nostro mondo iperconnesso a livello globale, si aprono un ventaglio di possibilità creative ed efficaci per ottenere visibilità e rafforzare il nostro brand.

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Per un’azienda, vale la pena di investire tempo e denaro nella pianificazione di una strategia di passaparola che, anche attraverso l’attribuzione di incentivi ai clienti, riesca a creare una pubblicità positiva intorno al brand e generare risultati?
Per moltissime aziende a livello globale, oggi la risposta è Sì.
L’efficacia di tali strategie è sempre garantita?
I risultati possono essere sicuramente notevoli – moltissime ricerche nell’ultimo decennio lo provano – se evitiamo di commettere alcuni tra gli errori più comuni.
Il marketing del passaparola è, tra l’altro, relativamente meno costoso di altre forme pubblicitarie sebbene sia necessario considerare sempre un investimento in termini di tempo ed economico (acquisto software, servizi e premi).

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Diverse ricerche realizzate negli ultimi anni, confermano che quasi la metà delle aziende a livello globale fa abitualmente affidamento su strategie di passaparola, per aumentare le vendite o generare lead. Un colosso mondiale come Starbucks ha perfino scelto di non investire in forme di pubblicità tradizionale puntando sulla creazione (perlopiù sui social) di quel “senso di comunità” che ha reso sempre più attivi i suoi supporter. Negli ultimi decenni sono stati condotti moltissimi studi sul marketing del passaparola.