Logo aziendale e comunicazione, le basi per creare un brand efficace

Scritto da Simona

Da 25 anni aiuto le persone a scegliere il gadget personalizzato efficace. Sul sito www.tuologo.com rispondo a domande e problemi quali la scelta del gadget in base alle tempistiche dell’evento, all’originalità, al budget, al logo.

Un’azienda è composta da persone, da ideali, da una storia, da uno sforzo comune per comunicare se stessa al grande pubblico. Non si parla solo di merce e di profitti, ma di un concetto più vasto e complesso che deve venir comunicato nel modo più diretto possibile. Ecco perché il logo aziendale assume primaria importanza quando si vuole parlare direttamente ai propri potenziali clienti.

Le persone, e non semplicemente consumatori, sono esseri emotivi che vengono stimolati e coinvolti se il messaggio comunicato è efficace e rimangono indifferenti, se non infastiditi, quando il messaggio viene espresso nel modo errato. Per emergere e spiccare un’azienda ha bisogno di integrare in un solo simbolo visivo la propria corporate identity, la propria visione aziendale e l’immagine che vuole rimandare ai propri clienti. Ma il successo di un brand non è solo il frutto dell’idea di un graphic designer abile, ma è anche marketing, strategia aziendale, studi di settore che cercando di dare forma all’insieme delle convinzioni che reggono un’azienda e le aspettative e aspirazioni che i potenziali clienti proiettano su di essa.

Tuttavia la scelta azzeccata di un logo aziendale non determina il successo di un’azienda. Un’immagine stimolante, convincente e immediatamente riconoscibile non è sufficiente per fidelizzare i propri clienti, se dietro a questa non c’è null’altro da offrire. La comunicazione con i propri clienti non deve e non può fermarsi qui.

In un’epoca come la nostra dove tutto può essere commentato, condiviso, ricercato e trovato, l’azienda può e deve stabilire un contatto diretto con i potenziali clienti. Grazie ad internet ogni azienda può potenzialmente raggiungere in maniera particolare ogni utente del web, grazie ad una strategia di comunicazione mirata che si traduce nella creazione di un sito internet interattivo, un blog interno sempre aggiornato, una pagina social che raggiunga milioni di utenti e una newsletter personalizzata. Insomma grazie ad internet le persone sono in grado di contattare direttamente le aziende, annullando di fatto la distanza che esisteva fino ad un paio di decenni fa fra produttore e consumatore.

Il brand, visto sotto questo punto di vista, diventa il sinonimo stesso dell’azienda, immediatamente riconoscibile e riconducibile ad una serie di caratteristiche che il cliente associa in modo quasi inconscio all’immagine del logo. Per fidelizzare ulteriormente le persone che hanno dato fiducia ad un’azienda e attirarne altre ci sono numerose strategie interessanti: usare un testimonial credibile, creare uno spot pubblicitario accattivante, proporre offerte interessanti e utilizzare i gadget aziendali. Le prime due possono richiedere un budget piuttosto consistente, ma con le seconde si possono attirare clienti, limitando le spese e ottenendo svariati vantaggi.

Ad esempio proporre un regalo aziendale personalizzato ai propri clienti è un modo economico, ma molto efficace per comunicare una serie di concetti: si esprime la propria riconoscenza verso la persona (cliente) che lo riceve, si diffonde il proprio marchio, sfruttando la pubblicità che ne deriva, si innesca un processo di gratitudine nella mente del cliente che sarà così portato a continuare il rapporto con l’azienda e a consigliarla ai propri conoscenti, rendendo maggiormente virale il messaggio aziendale.

Insomma la scelta di un logo comunicativo e immediatamente riconoscibile è un aspetto fondamentale per permettere ad un’azienda di emergere, ma ancora più importante è saper sfruttare al meglio quest’immagine, attirando, interessando e fidelizzando i tuoi clienti.

Ti potrebbe anche interessare…

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Non è una novità dei giorni nostri l’uso e la validità del passaparola per raggiungere i propri obiettivi aziendali: incremento vendite, allargamento della community, ecc. Tradizionalmente il passaparola veniva diffuso “a voce” da una persona all’altra sulla base di una raccomandazione e di una relazione personale basata sulla fiducia. Ora, nel nostro mondo iperconnesso a livello globale, si aprono un ventaglio di possibilità creative ed efficaci per ottenere visibilità e rafforzare il nostro brand.

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Per un’azienda, vale la pena di investire tempo e denaro nella pianificazione di una strategia di passaparola che, anche attraverso l’attribuzione di incentivi ai clienti, riesca a creare una pubblicità positiva intorno al brand e generare risultati?
Per moltissime aziende a livello globale, oggi la risposta è Sì.
L’efficacia di tali strategie è sempre garantita?
I risultati possono essere sicuramente notevoli – moltissime ricerche nell’ultimo decennio lo provano – se evitiamo di commettere alcuni tra gli errori più comuni.
Il marketing del passaparola è, tra l’altro, relativamente meno costoso di altre forme pubblicitarie sebbene sia necessario considerare sempre un investimento in termini di tempo ed economico (acquisto software, servizi e premi).

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Diverse ricerche realizzate negli ultimi anni, confermano che quasi la metà delle aziende a livello globale fa abitualmente affidamento su strategie di passaparola, per aumentare le vendite o generare lead. Un colosso mondiale come Starbucks ha perfino scelto di non investire in forme di pubblicità tradizionale puntando sulla creazione (perlopiù sui social) di quel “senso di comunità” che ha reso sempre più attivi i suoi supporter. Negli ultimi decenni sono stati condotti moltissimi studi sul marketing del passaparola.