Le regole fondamentali per scegliere il regalo aziendale giusto

Scritto da Simona

Da 25 anni aiuto le persone a scegliere il gadget personalizzato efficace. Sul sito www.tuologo.com rispondo a domande e problemi quali la scelta del gadget in base alle tempistiche dell’evento, all’originalità, al budget, al logo.

Da alcuni anni a questa parte, grazie in larga parte alla diffusione capillare del web, ogni azienda può aspirare di aprire il proprio commercio ad una fetta di mercato decisamente più ampia che a seconda delle ambizioni e capacità aziendali può diventare mondiale.

A questo scopo, in questi anni rivoluzionari per la comunicazione commerciale, il gadget aziendale ha iniziato a svolgere un ruolo sempre più importante. L’articolo promozionale con il logo dell’azienda è diventato una delle armi più convincenti a disposizione degli esperti di marketing. La sua funzione non è solo quella di gratificare collaboratori, fornitori o clienti, ma anche quella di promuovere il proprio nome, trasformando chi riceve un regalo aziendale in una pubblicità vivente. Questo aspetto ha almeno due conseguenze dirette molto importanti e fortemente connesse fra loro:

  • Gratificazione del cliente con un dono utile e originale, per il quale rimarrà favorevolmente colpito.
  • Diffusione amplificata del proprio messaggio aziendale senza ulteriore sforzo o dispendio di denaro

Un regalo aziendale quindi ha molteplici effetti fra cui quello di ringraziare collaboratori e clienti, farsi ricordare, rafforzare un rapporto lavorativo, aumentare la propria visibilità e di conseguenza aspirare ad un maggiore numero di clienti. Insomma un gadget aziendale non può e non deve essere visto come un semplice impiego di tempo e denaro, ma bensì come il simbolo stesso della propria professionalità e gratitudine nei confronti di coloro che lo riceveranno. Quindi è di fondamentale importanza scegliere con cura l’oggetto promozionale e per farlo ci sono alcune semplici regole che è bene tenere a mente quando si decide di intraprendere un’azione di marketing utilizzando questa risorsa.

1. Decidere qual è lo scopo finale del regalo promozionale.

Avere ben chiara la propria strategia è fondamentale per comunicarla al meglio. Quindi prima di spendere dei soldi in articoli promozionali è importante sapere a cosa si mira. Vuoi più clienti? Vuoi maggiore visibilità? Hai necessità di rafforzare una collaborazione? Senti che devi suscitare maggiore interesse?  A seconda dei tuoi obiettivi scegli l’articolo personalizzabile migliore.

2. Individuare il target di destinazione

A seconda del proprio campo di azione si avrà un certo tipo di clienti, quindi è utile conoscere a fondo la propria fetta di mercato per scegliere l’oggetto promozionale adeguato che rappresenti l’azienda e che piaccia a chi lo riceve. Nel caso il tuo settore sia molto ampio e variegato è una buona idea quella di personalizzare gli articoli promozionali suddividendoli per categorie e persone specifiche, in modo che il singolo oggetto parli sempre personalmente a chi lo riceve.

3. Puntare sulla qualità e l’utilità

Se la tua azienda si fonda sui valori di stabilità, professionalità, impegno per il futuro e affidabilità allora devi scegliere un oggetto promozionale che sappia comunicare queste caratteristiche. È controproducente investire i propri soldi in una campagna pubblicitaria che si fonda su oggetti fatti con materiali scadenti e scarsamente utili. Cosa credi che penserebbe quel tuo cliente importante quando scopre che l’ennesima penna promozionale si è rotta nel taschino, inondando di inchiostro tutto il suo vestito nuovo? Scegliere un gadget promozionale utile, bello e di qualità è il modo migliore per sottolineare la propria professionalità.

Ti potrebbe anche interessare…

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Non è una novità dei giorni nostri l’uso e la validità del passaparola per raggiungere i propri obiettivi aziendali: incremento vendite, allargamento della community, ecc. Tradizionalmente il passaparola veniva diffuso “a voce” da una persona all’altra sulla base di una raccomandazione e di una relazione personale basata sulla fiducia. Ora, nel nostro mondo iperconnesso a livello globale, si aprono un ventaglio di possibilità creative ed efficaci per ottenere visibilità e rafforzare il nostro brand.

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Per un’azienda, vale la pena di investire tempo e denaro nella pianificazione di una strategia di passaparola che, anche attraverso l’attribuzione di incentivi ai clienti, riesca a creare una pubblicità positiva intorno al brand e generare risultati?
Per moltissime aziende a livello globale, oggi la risposta è Sì.
L’efficacia di tali strategie è sempre garantita?
I risultati possono essere sicuramente notevoli – moltissime ricerche nell’ultimo decennio lo provano – se evitiamo di commettere alcuni tra gli errori più comuni.
Il marketing del passaparola è, tra l’altro, relativamente meno costoso di altre forme pubblicitarie sebbene sia necessario considerare sempre un investimento in termini di tempo ed economico (acquisto software, servizi e premi).

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Diverse ricerche realizzate negli ultimi anni, confermano che quasi la metà delle aziende a livello globale fa abitualmente affidamento su strategie di passaparola, per aumentare le vendite o generare lead. Un colosso mondiale come Starbucks ha perfino scelto di non investire in forme di pubblicità tradizionale puntando sulla creazione (perlopiù sui social) di quel “senso di comunità” che ha reso sempre più attivi i suoi supporter. Negli ultimi decenni sono stati condotti moltissimi studi sul marketing del passaparola.