La biennale della democrazia ha scelto come partner la TuoLogo e i suoi gadget personalizzabili

Scritto da Simona

Da 25 anni aiuto le persone a scegliere il gadget personalizzato efficace. Sul sito www.tuologo.com rispondo a domande e problemi quali la scelta del gadget in base alle tempistiche dell’evento, all’originalità, al budget, al logo.

“La democrazia è come l’aria che respiriamo: non ci si fa caso fino a quando non viene a mancare”. Con queste parole Gustavo Zagrebelsky ha aperto l’edizione 2013 della Biennale della Democrazia tenutasi nella cornice dei maggiori centri culturali, universitari e aggregativi della città di Torino. Un evento durato 5 giorni, dal 10 al 14 aprile, che ha raccolto oltre 250 ospiti nazionali ed internazionali per discutere sulla democrazia, la sua utopia e la sua importanza negli oltre 100 appuntamenti che hanno raccolto migliaia di visitatori, sopratutto giovani e giovanissimi, entusiasti partecipatori ai laboratori e nei dibattiti all’interno degli interventi.

Utopico. Possibile? Questo il titolo che è stato scelto per celebrare la terza edizione di un evento che sta raggiungendo una visibilità non solo nazionale, ma anche internazionale. Un titolo provocatorio, ma anche pieno di speranza che intende spingere le nuove generazioni ad una riflessione sulla natura democratica del nostro Paese, sui rischi che può correre se abbandonata nell’indifferenza collettiva e su come raggiungerne la massima espressione di partecipazione. La Biennale della Democrazia si è dimostrata essere uno spazio aperto al dialogo e al confronto e ha evidenziato quel bisogno collettivo di confronto e unità che è l’indice stesso del livello democratico di un paese che si definisce tale.

Sui diversi palchi distribuiti nel centro di Torino si sono avvicendati nomi importanti, rappresentanti delle istituzioni, docenti ed intellettuali come quelli del già citato Zagreblesky, docente di diritto costituzionale all’Università di Torino e presidente del comitato organizzativo dell’evento, ma anche Laura Boldrini, presidente della Camera o Romano Prodi, artisti come Anna Scalfi Eghenter, intellettuali e giornalisti come Francesco Remotti e Beppe Severgnini, ed esperti di economia e finanza come Marco Liera. Il dialogo è avvenuto su diversi temi: dall’immigrazione, al futuro democratico dei Paesi in via di sviluppo, dalle fusioni culturali, ai progetti di scambio europeo, dallo spread allo sviluppo sostenibile e solidale. A parlare non sono stati solo i nomi importanti della cultura e della politica, ma anche ragazzi, giovani e giovanissimi, che hanno deciso di prendere in mano il microfono e rivolgersi al pubblico per risvegliare quel senso di partecipazione e confronto che rende la democrazia un percorso faticoso, ma entusiasmante.

Abbiamo deciso di dare uno spazio sul nostro blog questo evento perché la Tuo Logo è stata scelta come partner organizzativo della Biennale della Democrazia. I nostri nastri portabadge, shopper e magliette dello staff hanno accolto e accompagnato tutti i partecipanti all’evento e ci hanno permesso di essere presenti ad un evento culturale di ampio respiro che riflette sul futuro di una cultura democratica vera, sentita, ma soprattutto partecipata.  Con questo post vogliamo esprimere il nostro orgoglio per aver contribuito a questa terza edizione della Biennale della Democrazia, anche se solo materialmente attraverso i nostri gadget personalizzabili.

Vi lasciamo con questo video che raccoglie i momenti più importanti di queste 5 giornate e che narra i quattro anni di preparazione e riflessione che hanno preceduto la nascita dell’evento.

Buona visione!

Ti potrebbe anche interessare…

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Non è una novità dei giorni nostri l’uso e la validità del passaparola per raggiungere i propri obiettivi aziendali: incremento vendite, allargamento della community, ecc. Tradizionalmente il passaparola veniva diffuso “a voce” da una persona all’altra sulla base di una raccomandazione e di una relazione personale basata sulla fiducia. Ora, nel nostro mondo iperconnesso a livello globale, si aprono un ventaglio di possibilità creative ed efficaci per ottenere visibilità e rafforzare il nostro brand.

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Per un’azienda, vale la pena di investire tempo e denaro nella pianificazione di una strategia di passaparola che, anche attraverso l’attribuzione di incentivi ai clienti, riesca a creare una pubblicità positiva intorno al brand e generare risultati?
Per moltissime aziende a livello globale, oggi la risposta è Sì.
L’efficacia di tali strategie è sempre garantita?
I risultati possono essere sicuramente notevoli – moltissime ricerche nell’ultimo decennio lo provano – se evitiamo di commettere alcuni tra gli errori più comuni.
Il marketing del passaparola è, tra l’altro, relativamente meno costoso di altre forme pubblicitarie sebbene sia necessario considerare sempre un investimento in termini di tempo ed economico (acquisto software, servizi e premi).

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Diverse ricerche realizzate negli ultimi anni, confermano che quasi la metà delle aziende a livello globale fa abitualmente affidamento su strategie di passaparola, per aumentare le vendite o generare lead. Un colosso mondiale come Starbucks ha perfino scelto di non investire in forme di pubblicità tradizionale puntando sulla creazione (perlopiù sui social) di quel “senso di comunità” che ha reso sempre più attivi i suoi supporter. Negli ultimi decenni sono stati condotti moltissimi studi sul marketing del passaparola.