In cerca di nuovi clienti? Allora inizia a coccolare quelli che hai già

Scritto da Simona

Da 25 anni aiuto le persone a scegliere il gadget personalizzato efficace. Sul sito www.tuologo.com rispondo a domande e problemi quali la scelta del gadget in base alle tempistiche dell’evento, all’originalità, al budget, al logo.

In tempi di crisi come sono quelli che stiamo vivendo, cosa può fare un’azienda per andare avanti e continuare con la sua attività nel migliore dei modi? Le risposte sono tantissime, ma mettiamo un’altra condizione che restringa il campo di azione: un budget ridotto da investire in campagne pubblicitarie. L’unica risposta valida al problema è questa: fidelizzare al massimo il portafoglio clienti già acquisito. Sono questi clienti la tua migliore pubblicità e ti permetteranno di acquisirne altri a costo zero. Un cliente soddisfatto sarà ben propenso a spargere la voce e molto probabilmente indirizzerà a te potenziali acquirenti già interessati ai beni e servizi della tua azienda.

In fondo basterebbe pensarci un attimo: conquistare nuovi clienti è molto più complicato e dispendioso che “coccolare” quelli già acquisiti. Questo assunto, benché sia di un’ovvietà disarmante, il più delle volte viene ignorata e le aziende spendono e spandono in campagne pubblicitarie rivolte ad un target al momento incerto e nebuloso, trascurano invece quella fetta di mercato che fino a questo momento ha permesso loro di restare in attivo.

La prima conseguenza diretta di questa mancanza di attenzione nei confronti di clienti già acquisiti è che questi, sentendosi trascurati, si rivolgano ad un’altra azienda che sappia prendersi cura di loro e che soprattutto comunichi con loro. E se questa azienda ha un budget a disposizione molto più consistente del tuo per attirare nuovi acquirenti, be’, il gioco è fatto, sei fuori perché la concorrenza, come ben sai, è spietata.

A ben pensarci il rapporto che esiste fra azienda e cliente è molto simile a quello che c’è fra due fidanzati: se uno trascura l’altro, smette di dargli attenzioni e si dimentica della sua esistenza, cosa pensi che succederà alla coppia? Quello che si sente insoddisfatto della relazione alzerà i tacchi e troverà qualcuno che lo faccia sentire speciale. E così farà anche il tuo cliente trascurato. Se ti dimentichi di lui e delle sue esigenze, ci metterà un attimo a rivolgersi ad un’altra azienda che magari lo coprirà di offerte, articoli promozionali e campioni gratuiti.

Sai cosa sostiene uno studio recente dell’Harvard Business Review? Che se le aziende si concentrassero maggiormente sui clienti già fidelizzati, il loro fatturato potrebbe aumentare del 25%, abbattendo di oltre il 10% il tasso di defezione. Non male, no?

E ora mi dirai: come si fa a coccolare i propri clienti? Con la comunicazione. Falli sentire partecipi, coinvolgili nelle novità della tua azienda, ricordati di loro, stuzzicali con gadget promozionali e articoli aziendali, invia newsletter aggiornate, crea un sito web o un blog accattivante, proponi sconti, offerte e promozioni, fai loro gli auguri di natale. Sono tutte soluzioni a costo bassissimo se non nullo che renderanno i tuoi clienti felici di essersi rivolti alla tua azienda anziché ad un’altra.

Ti potrebbe anche interessare…

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Non è una novità dei giorni nostri l’uso e la validità del passaparola per raggiungere i propri obiettivi aziendali: incremento vendite, allargamento della community, ecc. Tradizionalmente il passaparola veniva diffuso “a voce” da una persona all’altra sulla base di una raccomandazione e di una relazione personale basata sulla fiducia. Ora, nel nostro mondo iperconnesso a livello globale, si aprono un ventaglio di possibilità creative ed efficaci per ottenere visibilità e rafforzare il nostro brand.

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Per un’azienda, vale la pena di investire tempo e denaro nella pianificazione di una strategia di passaparola che, anche attraverso l’attribuzione di incentivi ai clienti, riesca a creare una pubblicità positiva intorno al brand e generare risultati?
Per moltissime aziende a livello globale, oggi la risposta è Sì.
L’efficacia di tali strategie è sempre garantita?
I risultati possono essere sicuramente notevoli – moltissime ricerche nell’ultimo decennio lo provano – se evitiamo di commettere alcuni tra gli errori più comuni.
Il marketing del passaparola è, tra l’altro, relativamente meno costoso di altre forme pubblicitarie sebbene sia necessario considerare sempre un investimento in termini di tempo ed economico (acquisto software, servizi e premi).

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Diverse ricerche realizzate negli ultimi anni, confermano che quasi la metà delle aziende a livello globale fa abitualmente affidamento su strategie di passaparola, per aumentare le vendite o generare lead. Un colosso mondiale come Starbucks ha perfino scelto di non investire in forme di pubblicità tradizionale puntando sulla creazione (perlopiù sui social) di quel “senso di comunità” che ha reso sempre più attivi i suoi supporter. Negli ultimi decenni sono stati condotti moltissimi studi sul marketing del passaparola.