Come un gadget personalizzabile può diventare il simbolo della coesione aziendale

Scritto da Simona

Da 25 anni aiuto le persone a scegliere il gadget personalizzato efficace. Sul sito www.tuologo.com rispondo a domande e problemi quali la scelta del gadget in base alle tempistiche dell’evento, all’originalità, al budget, al logo.

Il mondo lavorativo del XIX secolo propone sempre nuove sfide ai manager e ai team di lavoro nelle aziende. La terziarizzazione, la possibilità pressoché inesauribile di offrire servizi e beni sempre migliori e targettizzati, la competizione costante, la flessibilità, la promozione di se stessi, la continua richiesta di specializzazione e professionalità e la necessità di abbattere i costi aziendali hanno  reso l’ambito lavorativo fortemente competitivo e a tratti particolarmente stressante.

Un buon leader queste cose le sa ed è compito suo motivare e spingere il proprio team di collaboratori per dare il meglio di sé in tutte le sfide che si presentano. Fare in automatico il proprio lavoro non è più sufficiente per permettere ad un’azienda di essere un punto di rifermento in un dato settore. Il mondo lavorativo di oggi non ha più bisogno di lavoratori con il pilota automatico, ma necessita di persone dinamiche, creative e propositive che abbiano realmente intenzione di crescere ed esprimere le proprie capacità dentro l’azienda.

Per ottenere dai propri collaboratori il massimo è necessario dare loro una motivazione, cioè un obiettivo da raggiungere  grazie alla propria spinta personale ed aziendale. E per fare questo la politica interna di milioni di aziende nel mondo ha messo in atto una serie di gratificazioni (stipendio più alto, provvigioni, benefit, avanzamenti di carriera) o di punizioni, ma oggi si scopre che queste leve emozionali non sono più sufficienti per motivare realmente un collaboratore.

Ogni persona reagisce in maniera differente, ha aspirazioni personali che possono non coincidere con quelle aziendali, oppure non è interessata a guadagnare più soldi, ma vuole semplicemente continuare a fare il proprio lavoro, scongiurando così l’incertezza del mercato del lavoro. Questo sentimento dicotomico fra azienda e persona è il fulcro su cui lavorare per abbattere le barriere fra obiettivi personali ed aziendali, per migliorare la coesione del team e motivare maggiormente la singola persona alla collaborazione attiva per la completa soddisfazione personale e lavorativa.

Per ottenere questo risultato ogni team leader dovrebbe comunicare ai propri collaboratori due concetti fondamentali:

* Nell’incertezza generale del mondo del lavoro noi formiamo una squadra
* Ogni esperienza è motivo di crescita professionale e arricchimento della propria carriera

Un teamleader deve coinvolgere la propria squadra e renderla sicura delle proprie capacità lavorative, in modo che ogni singolo collaboratore dia il meglio di sé. Ottenere questi risultati non è semplice perché è necessaria una buona dose di comunicazione, psicologia, motivazione, persuasione e polso fermo.

Ma le persone a volte non sono persuase da una semplice gratificazione o da un bel discorso. Hanno bisogno anche di un simbolo concreto di questa coesione aziendale che il teamaleader va cercando e la scelta di un gadget personalizzabile o di un articolo promozionale che esprima visivamente questi concetti può essere di grande aiuto. La mission dell’azienda e la sua volontà di coesione e collaborazione vengono catalizzate su di un oggetto di uso comune che inizia così ad essere un punto di riferimento, la formulazione reale e tangibile dei propri obiettivi lavorativi. La sua presenza sulle scrivanie esprimerà senza bisogno di parole ciò che tutti i libri e video sulla motivazione e gestione delle risorse umane non potranno mai dire perché la potenza di un simbolo è maggiore di tutte le sue singole componenti e ha una potenza evocativa certamente più forte.

Non sei convinto? Prova a leggere la definizione di simbolo su un qualsiasi dizionario!

Ti potrebbe anche interessare…

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Non è una novità dei giorni nostri l’uso e la validità del passaparola per raggiungere i propri obiettivi aziendali: incremento vendite, allargamento della community, ecc. Tradizionalmente il passaparola veniva diffuso “a voce” da una persona all’altra sulla base di una raccomandazione e di una relazione personale basata sulla fiducia. Ora, nel nostro mondo iperconnesso a livello globale, si aprono un ventaglio di possibilità creative ed efficaci per ottenere visibilità e rafforzare il nostro brand.

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Per un’azienda, vale la pena di investire tempo e denaro nella pianificazione di una strategia di passaparola che, anche attraverso l’attribuzione di incentivi ai clienti, riesca a creare una pubblicità positiva intorno al brand e generare risultati?
Per moltissime aziende a livello globale, oggi la risposta è Sì.
L’efficacia di tali strategie è sempre garantita?
I risultati possono essere sicuramente notevoli – moltissime ricerche nell’ultimo decennio lo provano – se evitiamo di commettere alcuni tra gli errori più comuni.
Il marketing del passaparola è, tra l’altro, relativamente meno costoso di altre forme pubblicitarie sebbene sia necessario considerare sempre un investimento in termini di tempo ed economico (acquisto software, servizi e premi).

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Diverse ricerche realizzate negli ultimi anni, confermano che quasi la metà delle aziende a livello globale fa abitualmente affidamento su strategie di passaparola, per aumentare le vendite o generare lead. Un colosso mondiale come Starbucks ha perfino scelto di non investire in forme di pubblicità tradizionale puntando sulla creazione (perlopiù sui social) di quel “senso di comunità” che ha reso sempre più attivi i suoi supporter. Negli ultimi decenni sono stati condotti moltissimi studi sul marketing del passaparola.