Come promuovere la propria attività

Scritto da Simona

Da 25 anni aiuto le persone a scegliere il gadget personalizzato efficace. Sul sito www.tuologo.com rispondo a domande e problemi quali la scelta del gadget in base alle tempistiche dell’evento, all’originalità, al budget, al logo.

Come promuovere la propria attività

La promozione di un’attività o di un brand è un procedimento molto faticoso che va studiato attentamente in tutti i suoi passaggi, per non rischiare di sprecare tempo e denaro. Forse conosci già alcuni metodi “classici” di promozione, come i social, la pubblicità cartacea, l’organizzare di eventi… 

Ti assicuro che esiste un metodo davvero efficace che però non è ancora molto chiaro a diverse persone: è quello dei gadget aziendali personalizzati.

Si definisce più precisamente P.T.O., ovvero “pubblicità tramite l’oggetto“, che altro non è che un modo un po’ più tecnico di definire il ruolo del gadget promozionale all’interno di una strategia di marketing ben congegnata.

La P.T.O. ha un grande impatto nei processi di promozione di un’attività, perché ti permette di metterti in luce attraverso un oggetto specifico e in un qualche modo unico, pensato appositamente per rappresentarti.

GLI OGGETTI CHE EMOZIONANO

Negli ultimi anni è diventato un’arma vincente perché è in grado di produrre un effetto emotivo e psicologico su chi lo riceve, inducendolo a ricordare, il logo impresso sull’oggetto. Oltretutto si ricava questo effetto ad un costo più che ragionevole rispetto agli altri metodi di promozione.

Tuttavia perché la P.T.O. abbia l’effetto desiderato è bene strutturare la campagna di distribuzione e promozione con intelligenza e profonda conoscenza del target finale. Imparare a riconoscere i propri potenziali clienti, scovare l’oggetto adatto per la promozione del proprio brand e distribuirlo in maniera precisa e personalizzata sono tre passaggi fondamentali per non rischiare di spendere i propri soldi inutilmente.

“Sì” ALLA QUALITA’

Va anche assolutamente sottolineato che l’oggetto promozionale non deve mai essere di cattiva fattura o assemblato con materiali scadenti, perché, anche se è un regalo, le persone ricorderanno benissimo che nel set di penne non ce n’era una che funzionava o che il materassino gonfiabile aveva una perdita che lo rendeva inservibile.

Se decidi di investire un certo budget in una campagna P.T.O. devi prendere in considerazione che quei soldi potresti non vederli più, ma che non per questo è lecito lesinare sulla qualità o l’utilità dei gadget promozionali scelti.

Ora che abbiamo delineato le linee guida che devono sottostare alla tua Pubblicità Tramite Oggetto, cerchiamo di elencare in maniera sintetica i vantaggi che ne può trarre la tua attività:

  • L’articolo promozionale arriva direttamente nelle mani di chi lo riceve, magnetizzandone l’attenzione.
  • La targetizzazione ti permetterà di cogliere subito l’attenzione di clienti già potenzialmente interessati ai tuoi servizi e prodotti.
  • Il gadget aziendale è un oggetto durevole che rimarrà in possesso di chi lo riceve a lungo, garantendo un effetto promozionale nel tempo.
  • Una campagna P.T.O è piuttosto economica se comparata ad altri mezzi di promozione.

E’ chiaro che sfruttare bene più tipi di promozione può aiutarti ad avere un ritorno maggiore.

Ti consiglio quindi di sfruttare il potere dei social (questo dipende anche molto dal tipo di attività) e di organizzare eventi a tema con il tuo brand. Per realizzare i gadget personalizzabili con il tuo logo possiamo darti un aiuto più concreto, a questo link trovi l’intero catalogo. Hai la possibilità di ricevere una bozza gratuita inviando la richiesta di preventivo e allegando il logo, per avere un’idea dell’effetto finale senza nessun impegno.

Spero di aver aiutato il tuo brand a farsi strada tra la concorrenza 🙂

Leggi anche questo articolo su come trasformare la tua azienda in ecosostenibile se hai a cuore il bene del nostro pianeta e vuoi rimanere al passo con i tempi.

Ti potrebbe anche interessare…

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Non è una novità dei giorni nostri l’uso e la validità del passaparola per raggiungere i propri obiettivi aziendali: incremento vendite, allargamento della community, ecc. Tradizionalmente il passaparola veniva diffuso “a voce” da una persona all’altra sulla base di una raccomandazione e di una relazione personale basata sulla fiducia. Ora, nel nostro mondo iperconnesso a livello globale, si aprono un ventaglio di possibilità creative ed efficaci per ottenere visibilità e rafforzare il nostro brand.

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Per un’azienda, vale la pena di investire tempo e denaro nella pianificazione di una strategia di passaparola che, anche attraverso l’attribuzione di incentivi ai clienti, riesca a creare una pubblicità positiva intorno al brand e generare risultati?
Per moltissime aziende a livello globale, oggi la risposta è Sì.
L’efficacia di tali strategie è sempre garantita?
I risultati possono essere sicuramente notevoli – moltissime ricerche nell’ultimo decennio lo provano – se evitiamo di commettere alcuni tra gli errori più comuni.
Il marketing del passaparola è, tra l’altro, relativamente meno costoso di altre forme pubblicitarie sebbene sia necessario considerare sempre un investimento in termini di tempo ed economico (acquisto software, servizi e premi).

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Diverse ricerche realizzate negli ultimi anni, confermano che quasi la metà delle aziende a livello globale fa abitualmente affidamento su strategie di passaparola, per aumentare le vendite o generare lead. Un colosso mondiale come Starbucks ha perfino scelto di non investire in forme di pubblicità tradizionale puntando sulla creazione (perlopiù sui social) di quel “senso di comunità” che ha reso sempre più attivi i suoi supporter. Negli ultimi decenni sono stati condotti moltissimi studi sul marketing del passaparola.