Come creare un logo efficace

Scritto da Simona

Da 25 anni aiuto le persone a scegliere il gadget personalizzato efficace. Sul sito www.tuologo.com rispondo a domande e problemi quali la scelta del gadget in base alle tempistiche dell’evento, all’originalità, al budget, al logo.

Il logo è una rappresentazione visiva di tutto ciò che è un’azienda, e contribuisce a creare la cruciale prima impressione dell’azienda stessa agli occhi dei potenziali clienti. Un logo infine costruisce un legame tra impresa ed i suoi clienti, plasmando la Brand Identity e formando l’immagine di serietà di una grande organizzazione.

Classici esempi che incarnano loghi creati a regola d’arte sono lo “swoosh” della Nike, con tutti valori di atleticità e velocità intrinsechi, e l’onnipresente M di Mc Donald’s, riconoscibile in tutto il mondo.

Certamente è difficile ripetere esperienze così di successo, eppure ogni impresa, piccola o grande, dovrebbe saper creare un logo aziendale d’impatto, che sappia racchiudere l’identità dell’azienda e che, al tempo stesso, risulti immediatamente riconoscibile dal pubblico. Il logo deve avere determinate caratteristiche indispensabili:

Coerenza Innanzitutto, un logo deve essere coerente con i valori e la mission dell’azienda, con il business e con i suoi obiettivi. Il logo deve comunicare al meglio il messaggio di cui l’azienda si fa portatrice. Quando disegni un logo, ripensa a tutto ciò: l’impresa ha una personalità seria o giocosa? Comunica valori di efficienza e rigidità, o di spensieratezza? E qual’è la natura del tuo target? Tutto ciò si deve riflettere nel design del logo, a partire dal font utilizzato, fino ai colori ed all’immagine d’insieme. Una banca d’affari avrà pochi colori neutri o scuri, un’azienda di giocattoli avrà un logo più colorato e dai font tondeggianti.

Riconoscibilità Il logo, una volta esposta, dovrà divenire immediatamente riconoscibile e memorabile per chiunque. Loghi elaborati, con numerosi simbolismi e significati sottesi, raramente vengono compresi ed ancor meno ricordati. Un logo deve essere sì originale, ma allo stesso tempo lineare: inserire troppe forme geometriche o diversi tipi di font rischia di spaesare il pubblico, col risultato che il logo non sarà riconoscibile.

Originalità Ovviamente, oltre che scorretto, è contro la legge copiare i loghi altrui! Un logo deve essere unico ed originale, e deve differenziarsi in maniera evidente dalla concorrenza.

Vediamo ora quali sono i software per creare loghi, da quelli professionali e su licenza, a quelli gratuiti open-source:

I software professionali: primo fra tutti Adobe Photoshop, un software molto usato sia dai designer professionisti che da fotografi e fotoamatori; Adobe Illustrator, molto usato da grafici professionisti, permette di creare immagini vettoriali, cioè che si possono ingrandire o rimpicciolire quanto si vuole senza compromettere la loro risoluzione; infine Corel Draw, un altro software per la creazione di grafica vettoriale a livello professionale

I software gratuiti: Gimp 2, è molto simile a Photoshop, ed anche se è meno potente, consente però di creare un logo professionale; LogoSnap, tra i tool online per creare loghi è il più efficiente, nonostante non sia di semplice utilizzo; sicuramente più facile da usare è CoolText, un altro servizio online per la creazione di loghi personalizzati; un buon programma gratuito è anche LogoMaker, semplice ma professionale.

Concludendo, per creare un logo efficace dovrai ricordarti di mettere in pratica le caratteristiche di coerenza, riconoscibilità ed originalità attraverso tutti i tratti distintivi del logo stesso: forme, colori, font utilizzati ed eventuali immagini, senza dimenticare la fantasia ed un pizzico di coraggio.

Ti potrebbe anche interessare…

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Non è una novità dei giorni nostri l’uso e la validità del passaparola per raggiungere i propri obiettivi aziendali: incremento vendite, allargamento della community, ecc. Tradizionalmente il passaparola veniva diffuso “a voce” da una persona all’altra sulla base di una raccomandazione e di una relazione personale basata sulla fiducia. Ora, nel nostro mondo iperconnesso a livello globale, si aprono un ventaglio di possibilità creative ed efficaci per ottenere visibilità e rafforzare il nostro brand.

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Per un’azienda, vale la pena di investire tempo e denaro nella pianificazione di una strategia di passaparola che, anche attraverso l’attribuzione di incentivi ai clienti, riesca a creare una pubblicità positiva intorno al brand e generare risultati?
Per moltissime aziende a livello globale, oggi la risposta è Sì.
L’efficacia di tali strategie è sempre garantita?
I risultati possono essere sicuramente notevoli – moltissime ricerche nell’ultimo decennio lo provano – se evitiamo di commettere alcuni tra gli errori più comuni.
Il marketing del passaparola è, tra l’altro, relativamente meno costoso di altre forme pubblicitarie sebbene sia necessario considerare sempre un investimento in termini di tempo ed economico (acquisto software, servizi e premi).

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Diverse ricerche realizzate negli ultimi anni, confermano che quasi la metà delle aziende a livello globale fa abitualmente affidamento su strategie di passaparola, per aumentare le vendite o generare lead. Un colosso mondiale come Starbucks ha perfino scelto di non investire in forme di pubblicità tradizionale puntando sulla creazione (perlopiù sui social) di quel “senso di comunità” che ha reso sempre più attivi i suoi supporter. Negli ultimi decenni sono stati condotti moltissimi studi sul marketing del passaparola.