Cappello personalizzabile

Scritto da Simona

Da 25 anni aiuto le persone a scegliere il gadget personalizzato efficace. Sul sito www.tuologo.com rispondo a domande e problemi quali la scelta del gadget in base alle tempistiche dell’evento, all’originalità, al budget, al logo.

A cosa serve un cappellino? Si fa prima a dire a cosa non serve. E’ di sicuro un capo d’abbigliamento che non può mancare nel guardaroba di lui, di lei o dei bimbi. Perché non solo si può indossare sotto il sole cocente, ma anche con la pioggia, la neve, il vento. Con ogni condizione atmosferica, protegge la testa dalle intemperie più feroci. In cotone pettinato, come questa proposta, è anche realizzato in fibra assolutamente naturale e non darà fastidio a nessuna testa, neanche la più delicata.

E’ disponibile in diversi colori a tua scelta: nero, rosso, bianco, blu, kaki, per accontentare i gusti di tutti. Una fascetta posta sul retro permette di adattarlo alle varie misure e poterlo utilizzare anche in caso di crescita veloce dei pupi. Portalo con te al mare, e sarai protetto dal sole più accecante e dalla sabbia; in montagna, ti servirà per non scottarti la testa e farti da paravento in caso di giornate più aggressive.

cappellino in cotone personalizzabileCerto da il meglio di sé in vacanza e nel tempo libero, con un abbigliamento casual e comodo, per libertà massima di movimento. Ma può essere utilizzato anche se pratichi professioni all’aria aperta, e quindi ti trovi esposto tutto il giorno agli eventi atmosferici più imprevedibili: se lavori nei cantieri, se sei un animatore, se addestri cani e se sei un campione di tennis!

Divertiti a personalizzare il tuo cappello con la tua pubblicità, il tuo logo e le scritte o i disegni che ti piacciono di più. Oltre a stamparli, li realizziamo con ricamo direttamente sul tessuto. Chiedici un preventivo!

 

Visita qui la categoria dedicata

Ti potrebbe anche interessare…

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Non è una novità dei giorni nostri l’uso e la validità del passaparola per raggiungere i propri obiettivi aziendali: incremento vendite, allargamento della community, ecc. Tradizionalmente il passaparola veniva diffuso “a voce” da una persona all’altra sulla base di una raccomandazione e di una relazione personale basata sulla fiducia. Ora, nel nostro mondo iperconnesso a livello globale, si aprono un ventaglio di possibilità creative ed efficaci per ottenere visibilità e rafforzare il nostro brand.

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Per un’azienda, vale la pena di investire tempo e denaro nella pianificazione di una strategia di passaparola che, anche attraverso l’attribuzione di incentivi ai clienti, riesca a creare una pubblicità positiva intorno al brand e generare risultati?
Per moltissime aziende a livello globale, oggi la risposta è Sì.
L’efficacia di tali strategie è sempre garantita?
I risultati possono essere sicuramente notevoli – moltissime ricerche nell’ultimo decennio lo provano – se evitiamo di commettere alcuni tra gli errori più comuni.
Il marketing del passaparola è, tra l’altro, relativamente meno costoso di altre forme pubblicitarie sebbene sia necessario considerare sempre un investimento in termini di tempo ed economico (acquisto software, servizi e premi).

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Diverse ricerche realizzate negli ultimi anni, confermano che quasi la metà delle aziende a livello globale fa abitualmente affidamento su strategie di passaparola, per aumentare le vendite o generare lead. Un colosso mondiale come Starbucks ha perfino scelto di non investire in forme di pubblicità tradizionale puntando sulla creazione (perlopiù sui social) di quel “senso di comunità” che ha reso sempre più attivi i suoi supporter. Negli ultimi decenni sono stati condotti moltissimi studi sul marketing del passaparola.