Consigli pratici e linee guida per scegliere il logo giusto

Scritto da Simona

Da 25 anni aiuto le persone a scegliere il gadget personalizzato efficace. Sul sito www.tuologo.com rispondo a domande e problemi quali la scelta del gadget in base alle tempistiche dell’evento, all’originalità, al budget, al logo.

Il logo per un’azienda già consolidata o appena nata è un elemento fondamentale per il brand recognition. Comunica direttamente con il consumatore, riassume in un’immagine, un’icona o una parola la filosofia aziendale, rimane impresso in modo semplice nella mente, simboleggia lo stile e la professionalità ed è duraturo nel tempo. Insomma, in una parola, è fondamentale per farsi conoscere e riconoscere.

Tuttavia scegliere un logo non è semplice, e perché sia di impatto, deve contenere una mix ben congegnato di genialità, comunicazione, sintesi e semplicità. In questo post cercheremo di scovare le linee guida per la creazione di un logo che possieda il più possibile queste caratteristiche.

Logotipo, pittogramma o diagramma?
La prima scelta da affrontare è il tipo di logo. Per logotipo si intende una sequenza tipografica che può essere la sigla o il nome dell’azienda. Pure e semplici lettere come quello della Sony per intenderci. Un pittogramma invece utilizza un oggetto per descrivere l’attività dell’azienda, mentre un diagramma è composto da un espediente grafico, un’immagine astratta. Un esempio di diagramma possono essere  le tre strisce dell’Adidas.

Un consiglio per scegliere? Guardati attorno, studia tutti i logo che vedi e che hanno avuto successo, confronta, fai paragoni, scegli i più efficaci, osservali e cerca di capire perché lo sono e poi inizia a pensare e a buttare giù idee, senza fermarti alle prime che escono.

Semplice, diretto e facilmente identificabile
Qualunque sia la tua scelta, riduci sempre al massimo i dettagli, sii sintetico ed espressivo, utilizza font chiari, linee semplici, forme lineari. Non esagerare con i colori e presta attenzione agli accostamenti: non devono confondere chi guarda né diluire l’impatto del nome dell’azienda. Il massimo consigliato sono tre, di più il risultato sarebbe troppo chiassoso e ti costerebbe anche un occhio al momento di stamparlo. Ricorda di verificare che il logo funzioni bene anche in bianco&nero e non perda nitidezza, perché può sempre capitare di dover inviare una fotocopia o un fax intestati con il logo dell’azienda.

Comunicazione, stabilità e concretezza
Il logo ti rappresenta e con questa idea ben impressa nella mente cerca di trovare l’idea giusta per esprimerla. Devi avere chiaro di cosa si occupa l’azienda, qual è il messaggio che vuoi comunicare e in che modo, tenendo presente chi sono i tuoi potenziali clienti.  Un altro aspetto da tenere in conto è che, se tutto va bene, il logo rappresenterà la tua azienda per molti, moltissimi anni e che una volta scelto non potrà subire grosse variazioni, il rischio è quello di confondere i consumatori e di perdere credibilità.

 Stampa su cartelloni, biglietti da visita e articoli promozionali
Dopo aver trovato l’idea giusta, utilizza un buon programma di grafica vettoriale per digitalizzare il tuo logo, eviterai che l’immagine subisca delle variazioni di qualità a seconda che venga ingrandito o rimpicciolito. Così sarai certo che, capeggiando su un cartellone pubblicitario, non sarà sgranato o se impresso su un gadget promozionale non sia indecifrabile.

Probabilmente dopo aver letto queste righe non avrai le idee molto più chiare, ma la nascita di un logo efficace è sempre un parto difficile, ma che può dare grandi soddisfazioni.

In bocca al lupo per la scelta del tuo logo!

Ti potrebbe anche interessare…

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Non è una novità dei giorni nostri l’uso e la validità del passaparola per raggiungere i propri obiettivi aziendali: incremento vendite, allargamento della community, ecc. Tradizionalmente il passaparola veniva diffuso “a voce” da una persona all’altra sulla base di una raccomandazione e di una relazione personale basata sulla fiducia. Ora, nel nostro mondo iperconnesso a livello globale, si aprono un ventaglio di possibilità creative ed efficaci per ottenere visibilità e rafforzare il nostro brand.

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Per un’azienda, vale la pena di investire tempo e denaro nella pianificazione di una strategia di passaparola che, anche attraverso l’attribuzione di incentivi ai clienti, riesca a creare una pubblicità positiva intorno al brand e generare risultati?
Per moltissime aziende a livello globale, oggi la risposta è Sì.
L’efficacia di tali strategie è sempre garantita?
I risultati possono essere sicuramente notevoli – moltissime ricerche nell’ultimo decennio lo provano – se evitiamo di commettere alcuni tra gli errori più comuni.
Il marketing del passaparola è, tra l’altro, relativamente meno costoso di altre forme pubblicitarie sebbene sia necessario considerare sempre un investimento in termini di tempo ed economico (acquisto software, servizi e premi).

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Diverse ricerche realizzate negli ultimi anni, confermano che quasi la metà delle aziende a livello globale fa abitualmente affidamento su strategie di passaparola, per aumentare le vendite o generare lead. Un colosso mondiale come Starbucks ha perfino scelto di non investire in forme di pubblicità tradizionale puntando sulla creazione (perlopiù sui social) di quel “senso di comunità” che ha reso sempre più attivi i suoi supporter. Negli ultimi decenni sono stati condotti moltissimi studi sul marketing del passaparola.