Troppa tensione? Usa le palline antistress

Scritto da Simona

Da 25 anni aiuto le persone a scegliere il gadget personalizzato efficace. Sul sito www.tuologo.com rispondo a domande e problemi quali la scelta del gadget in base alle tempistiche dell’evento, all’originalità, al budget, al logo.

Sveglia presto, ritmi serrati, telefono che squilla impellente, mail da evadere, documenti da controllare, riunioni, dita che saltabeccano sulla tastiera, messaggi in arrivo, caffè a fiumi e pause pranzo al volo. La vita lavorativa di milioni di persone si svolge così e a lungo andare questa concentrazione costante si può trasformare in pressione per poi degenerare in stress.

Gli esperti dicono che una piccola quantità di stress sia inevitabile se non addirittura utile per mantenere i livelli produttivi richiesti, ma vi è una soglia da non superare per mantenere il proprio benessere fisico e mentale. Quando la vita lavorativa ci richiede un impegno costante bisogna saper sfruttare al meglio il proprio tempo per scaricare la tensione che si accumula su cervello, muscoli e articolazioni ed evitare così di esplodere sul più bello, magari davanti al capo, con le conseguenze che tutti noi possiamo immaginare.

Fortunatamente è possibile agire sullo stress accumulato prima che questo ci conduca ad estremi indesiderati. Un metodo semplicissimo ma efficace te lo proponiamo noi della Tuo Logo: le palline antistress. Sono piccoli oggetti in poliuretano morbido e indeformabile da tenere sempre a portata di mano perché sono utilissimi per distendere i muscoli, rilassare le dita, riattivare la circolazione e ritrovare la concentrazione in momenti particolarmente impegnativi. Per chi passa ore al telefono e davanti alla tastiera di un pc sono articoli davvero interessanti per evitare di saltare in aria nei momenti meno opportuni a causa della tensione lavorativa.

Inoltre le palline antistress sono ottimi gadget personalizzabili in quanto non solo comunicheranno in maniera divertente il tuo logo, ma saranno sempre ben visibili sulle scrivanie e nelle borse dei tuoi clienti e collaboratori. E ogni volta che le utilizzeranno per non mandare al diavolo tutto quanto, penseranno a te con una certa gratitudine! Non credevi che un articolo promozioanale così semplice ed economico potesse nascondere così tante qualità, vero?

Ti potrebbe anche interessare…

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Non è una novità dei giorni nostri l’uso e la validità del passaparola per raggiungere i propri obiettivi aziendali: incremento vendite, allargamento della community, ecc. Tradizionalmente il passaparola veniva diffuso “a voce” da una persona all’altra sulla base di una raccomandazione e di una relazione personale basata sulla fiducia. Ora, nel nostro mondo iperconnesso a livello globale, si aprono un ventaglio di possibilità creative ed efficaci per ottenere visibilità e rafforzare il nostro brand.

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Per un’azienda, vale la pena di investire tempo e denaro nella pianificazione di una strategia di passaparola che, anche attraverso l’attribuzione di incentivi ai clienti, riesca a creare una pubblicità positiva intorno al brand e generare risultati?
Per moltissime aziende a livello globale, oggi la risposta è Sì.
L’efficacia di tali strategie è sempre garantita?
I risultati possono essere sicuramente notevoli – moltissime ricerche nell’ultimo decennio lo provano – se evitiamo di commettere alcuni tra gli errori più comuni.
Il marketing del passaparola è, tra l’altro, relativamente meno costoso di altre forme pubblicitarie sebbene sia necessario considerare sempre un investimento in termini di tempo ed economico (acquisto software, servizi e premi).

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Diverse ricerche realizzate negli ultimi anni, confermano che quasi la metà delle aziende a livello globale fa abitualmente affidamento su strategie di passaparola, per aumentare le vendite o generare lead. Un colosso mondiale come Starbucks ha perfino scelto di non investire in forme di pubblicità tradizionale puntando sulla creazione (perlopiù sui social) di quel “senso di comunità” che ha reso sempre più attivi i suoi supporter. Negli ultimi decenni sono stati condotti moltissimi studi sul marketing del passaparola.