Troppi impegni? Pianifica la tua giornata

Scritto da Simona

Da 25 anni aiuto le persone a scegliere il gadget personalizzato efficace. Sul sito www.tuologo.com rispondo a domande e problemi quali la scelta del gadget in base alle tempistiche dell’evento, all’originalità, al budget, al logo.

Planner di gomma per pianificazioni settimanaliTempo di tornare alle faccende di sempre. Code chilometriche ed arrabbiate al mattino per raggiungere il posto di lavoro, città in fermento, aria già irrespirabile. Negli occhi e sulla pelle ancora le impronte di un’estate caldissima, che a malincuore sei costretto a salutare, già contando i giorni che ti separano alla prossima vacanza (un po’ più fredda, ma ugualmente desiderata).

Tutto ciò di cui hai bisogno, adesso, è organizzazione, pianificazione, controllo. E’ assolutamente indispensabile riprendere il controllo di appuntamenti, eventi, scadenze. La pianificazione è tutto e lo sai: prova a scrivere le importantissime note di lavoro e di vita su fogli che volano al primo soffio di vento e che si sparpagliano sulla scrivania sotto montagne di carta! Hai bisogno di avere tutto a portata di mano e sotto controllo, insieme a nomi, numeri di telefono, orari. Cosa c’è meglio di questo planner? Grazie alle sue pagine divise per settimane hai sott’occhio tutta gli impegni da lunedì a domenica, immediatamente. Non c’è bisogno di sfogliare l’agenda avanti e indietro di continuo per fissare l’appuntamento: sai già quando sei libero e quando invece hai l’ora già occupata. Non c’è nulla di meglio, quando si tratta di programmare tutti gli impegni che assorbono ogni giorno le tue energie.

Eleganza e praticità sono le principali caratteristiche di questo prezioso strumento. Il planner è gommato per non scivolare dalla tua scrivania. Una comoda spirale tiene insieme i fogli. Hai anche la rubrica telefonica, per avere sott’occhio tutti i numeri che ti interessano. E puoi stampare sopra il logo della tua attività, con serigrafia. Un’ottima opportunità per te o da regalare.

 

Ti potrebbe anche interessare…

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Non è una novità dei giorni nostri l’uso e la validità del passaparola per raggiungere i propri obiettivi aziendali: incremento vendite, allargamento della community, ecc. Tradizionalmente il passaparola veniva diffuso “a voce” da una persona all’altra sulla base di una raccomandazione e di una relazione personale basata sulla fiducia. Ora, nel nostro mondo iperconnesso a livello globale, si aprono un ventaglio di possibilità creative ed efficaci per ottenere visibilità e rafforzare il nostro brand.

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Per un’azienda, vale la pena di investire tempo e denaro nella pianificazione di una strategia di passaparola che, anche attraverso l’attribuzione di incentivi ai clienti, riesca a creare una pubblicità positiva intorno al brand e generare risultati?
Per moltissime aziende a livello globale, oggi la risposta è Sì.
L’efficacia di tali strategie è sempre garantita?
I risultati possono essere sicuramente notevoli – moltissime ricerche nell’ultimo decennio lo provano – se evitiamo di commettere alcuni tra gli errori più comuni.
Il marketing del passaparola è, tra l’altro, relativamente meno costoso di altre forme pubblicitarie sebbene sia necessario considerare sempre un investimento in termini di tempo ed economico (acquisto software, servizi e premi).

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Diverse ricerche realizzate negli ultimi anni, confermano che quasi la metà delle aziende a livello globale fa abitualmente affidamento su strategie di passaparola, per aumentare le vendite o generare lead. Un colosso mondiale come Starbucks ha perfino scelto di non investire in forme di pubblicità tradizionale puntando sulla creazione (perlopiù sui social) di quel “senso di comunità” che ha reso sempre più attivi i suoi supporter. Negli ultimi decenni sono stati condotti moltissimi studi sul marketing del passaparola.