Articoli promozionali? Cartelloni pubblicitari? Sì, ma anche Rich media

Scritto da Simona

Da 25 anni aiuto le persone a scegliere il gadget personalizzato efficace. Sul sito www.tuologo.com rispondo a domande e problemi quali la scelta del gadget in base alle tempistiche dell’evento, all’originalità, al budget, al logo.

Sfruttare il web per ampliare il proprio branding e raggiungere un numero di utenti potenzialmente interessati all’acquisto è ancora un metodo promozionale che incontra una certa resistenza in Italia. Molte aziende, magari piccole e poco conosciute, si affidano più volentieri a forme promozionali più tradizionali: pubblicità per radio e TV, articoli promozionali, gadget personalizzabili, cartelloni a bordo strada e più arditi tentano con i banner pubblicitari, rimanendo poi di solito piuttosto delusi dal bounce rate che ne ricavano.

Questo perché le campagne pubblicitarie sul web a volte non sono efficaci come dovrebbero anche perché spesso ci si affida nelle mani di web agencies non particolarmente esperte o perché gli stessi clienti non conoscono adeguatamente il mezzo che vogliono utilizzare per promuoversi: il web. Fortunatamente però anche in Italia le cose stanno cambiando e sta prendendo piede una nuova tendenza di intendere il messaggio promozionale sul web: i rich media.

Con questo termine si identifica una forma pubblicitaria sul web interattiva che convoglia una serie di tecnologie piuttosto complesse che vanno dalle animazioni in Flash al linguaggio HTML5 e Java, utilizzando una serie di espedienti grafici e audio per la creazione di annuncio pubblicitario che si differenzia in maniera sostanziale dai più tradizionali banner pubblicitari.

I rich media, utilizzando tutti gli espedienti tecnologici a disposizione, hanno il compito di stupire e coinvolgere l’utente attraverso idee creative ed impattanti senza che però risultino fastidiosi o invadenti. Infatti è l’utente stesso a scegliere se vedere lo spot oppure saltarlo e lasciarlo nell’angolo della pagina inattivo ed è lui che decide se aumentare il volume e vedere l’annuncio fullscreen o meno. Il compito dei rich media però è principalmente questo: incuriosire l’utente, spingerlo a svolgere l’azione richiesta, far partire un’animazione interattiva e divertire chi la guarda, aumentando il brand awareness e la brand reputation sul web anche nel caso in cui a seguito della visione del rich media non seguisse nessuna azione rivolta all’acquisto del prodotto promosso.

È ormai opinione comune di molti esperti del settore che i click sui banner non sono più un metro di misura per calcolare il successo di una campagna promozionale sul web, quindi è necessario basarsi su altri criteri e quello dell’interattività e dello stupore sono certamente due aspetti fondamentali per decretare il successo di annuncio pubblicitario. Più la gente è spinta a compiere l’azione richiesta dal banner (ad esempio il classico: passa il mouse qui sopra) più si aumenta il brand awareness in maniera più o meno diretta.

Ma ciò che più conta è stupire grazie alla creatività e all’impatto visivo l’utente, di modo che rimanga piacevolmente coinvolto durante l’animazione e non si limiti a saltare l’annuncio o addirittura ignorarlo. Coinvolgere significa quindi che lo spettatore non è più passivo di fronte al messaggio promozionale, ma interattivo ed è lui a decidere come e quando visualizzarlo. Non solo: in alcuni casi i rich media sono strutturati come veri e propri giochi che spingono l’utente a svolgere le azioni richieste, facendolo soffermare più a lungo di quanto non farebbe normalmente.

Insomma a fianco delle più tradizionali campagne promozionali fatte di spot televisivi, articoli promozionali e cartelloni a bordo strada è forse un bene affidarsi ad una buona web agency che conosca a fondo questa nuova tendenza e che sappia sfruttarla al meglio per la tua immagine.

Ti potrebbe anche interessare…

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

10 incentivi emotivi per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Non è una novità dei giorni nostri l’uso e la validità del passaparola per raggiungere i propri obiettivi aziendali: incremento vendite, allargamento della community, ecc. Tradizionalmente il passaparola veniva diffuso “a voce” da una persona all’altra sulla base di una raccomandazione e di una relazione personale basata sulla fiducia. Ora, nel nostro mondo iperconnesso a livello globale, si aprono un ventaglio di possibilità creative ed efficaci per ottenere visibilità e rafforzare il nostro brand.

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Incentivi economici per ottenere pubblicità gratuita dal passaparola

Per un’azienda, vale la pena di investire tempo e denaro nella pianificazione di una strategia di passaparola che, anche attraverso l’attribuzione di incentivi ai clienti, riesca a creare una pubblicità positiva intorno al brand e generare risultati?
Per moltissime aziende a livello globale, oggi la risposta è Sì.
L’efficacia di tali strategie è sempre garantita?
I risultati possono essere sicuramente notevoli – moltissime ricerche nell’ultimo decennio lo provano – se evitiamo di commettere alcuni tra gli errori più comuni.
Il marketing del passaparola è, tra l’altro, relativamente meno costoso di altre forme pubblicitarie sebbene sia necessario considerare sempre un investimento in termini di tempo ed economico (acquisto software, servizi e premi).

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Ecco perché il passaparola per molte aziende non funziona

Diverse ricerche realizzate negli ultimi anni, confermano che quasi la metà delle aziende a livello globale fa abitualmente affidamento su strategie di passaparola, per aumentare le vendite o generare lead. Un colosso mondiale come Starbucks ha perfino scelto di non investire in forme di pubblicità tradizionale puntando sulla creazione (perlopiù sui social) di quel “senso di comunità” che ha reso sempre più attivi i suoi supporter. Negli ultimi decenni sono stati condotti moltissimi studi sul marketing del passaparola.